Quindi | Home and Humanity
15255
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15255,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,paspartu_enabled,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

“Vivere insieme”

Progetto di coabitazione a Busto Arsizio; Giulia, Daiana e Davide, tre persone come tante: chi studia, chi cerca lavoro, chi un lavoro temporaneo già ce l’ha, scelgono di vivere con Alassane, Sirifo e Amara, tre persone che hanno da poco ottenuto il permesso di soggiorno per motivi umanitari, come tanti. La casa a Busto Arsizio li può accogliere per un periodo di 6 mesi, rinnovabile una sola volta per altri 6 mesi, questo è il tempo che avranno a disposizione per conoscersi, sostenersi, contaminarsi, raggiungere l’autonomia con un lavoro, magari non troppo temporaneo. E con la casa c’è anche una comunità che li accoglie, persone che credono in alcuni vecchi valori come la solidarietà sociale. Persone che avranno il desiderio di conoscerli, di accompagnarli negli spazi di incontro della città, di facilitare la loro autonomia e la loro integrazione.

quindi-favicon-white

“Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato l’arte di vivere come fratelli”

– MARTIN LUTHER KING –

Si agitano tempere e pennelli, rulli e braccia, si spostano letti, armadi, tavoli e sedie, e poi pentole e lampadari, tende e lenzuola; la casa si prepara alla prima esperienza di coabitazione: dal 1° ottobre 2017 sei persone hanno iniziato a “vivere insieme”… e noi desideriamo essere in molti a dare loro il “benvenuto”.

Perchè Quindi?

Di fronte alla tragedia umanitaria che vede migliaia di persone fuggire dai propri paesi di origine per cercare rifugio nel nostro continente, a luglio 2017 un gruppo di cittadini ha sentito l’urgenza di realizzare azioni concrete di accoglienza. Nasce così l’associazione “Quindi”. La disponibilità di un appartamento offerto all’associazione con un comodato gratuito per dieci anni ha favorito l’avvio della prima azione: un progetto di coabitazione che si sosterrà esclusivamente con la partecipazione di privati. Per la gestione del progetto di accoglienza abitativa, “Quindi” ha stipulato una convenzione con Refugees Welcome, scelto come proprio partner di riferimento per il modello di accoglienza che sperimenta.